La permanenza dell’oro come elemento degli dei

La permanenza dell'oro come elemento degli dei

Worüber schreiben wir:

L’oro, da millenni simbolo come immagine del sole e della luce, è sinonimo di ricchezza – per il suo colore, la sua lucentezza e la sua rarità, l’oro è sempre stato apprezzato – un’interiezione del Dr. Peter Riedi, EM Global Service AG, Principato del Liechtenstein.

Anche oggi, l’oro non ha perso nulla del suo fascino. L’oro è particolarmente richiesto come investimento sotto forma di monete, lingotti e gioielli. A causa delle sue proprietà fisiche, l’oro è molto richiesto nei settori medico, elettronico e informatico. EM Global Service AG, con sede nel Principato del Liechtenstein nel cuore dell’Europa, è attiva con successo nel mercato delle materie prime e dei metalli preziosi da oltre dieci anni. Da un punto di vista monetario, l’oro fisico è un bene materiale liquido e quindi gode della reputazione di essere una protezione sicura contro l’inflazione. Un altro punto a favore, l’oro non è legato a una promessa di pagamento da parte di una banca o di un governo. A differenza del denaro, non può essere semplicemente moltiplicato per decreto della banca centrale, che è ciò che sta accadendo drammaticamente nella crisi finanziaria. Al contrario, i depositi sono limitati e l’estrazione dell’oro sta diventando sempre più costosa. D’altra parte, la domanda è in costante aumento.

Oro – un favorito tra gli elementi

Gli elementi sono costruiti uniformemente in se stessi, a partire dalle particelle più piccole, gli atomi. Sui modi chimici gli atomi non sono divisibili e 90 atomi sono stati trovati in natura, la loro frequenza in natura è molto diversa. La crosta terrestre è costituita da un guscio di roccia, acqua e aria, metà di ossigeno, un quarto di silicio. Gli elementi si presentano in composti chimici. Gli elementi idrogeno e ossigeno, che rientrano entrambi nel gruppo dei gas, formano l’acqua in forma liquida, per esempio. Complessivamente 24 elementi si presentano in natura come minerali e si dividono in metalli di transizione: ferro, rutenio, osmio, cobalto, rodio, iridio, nichel, palladio, platino, rame, argento, oro, zinco, mercurio, semi-metalli e non metalli, carbonio, stagno, piombo, fosforo, antimonio, bismuto, zolfo, selenio, tellurio, arsenico.

La tavola periodica fu presentata indipendentemente da due ricercatori circa 150 anni fa, e il loro insegnamento è ancora oggi influente. L’oro ha il numero atomico 89 nel gruppo 11 della tavola periodica e quindi appartiene ai cosiddetti metalli di transizione e agli elementi puri. Gli elementi puri partecipano solo in minima parte alla struttura della terra. Dopo l’erosione di un deposito primario, l’oro e il platino, per esempio, possono accumularsi sui saponi. Nella fase pneumatolitica a bassa temperatura, le soluzioni impregnano la roccia accessoria. L’influenza vulcanica diretta, per esempio nelle fumarole, deposita lo zolfo.

L’oro è un elemento chimico con il nome latino „aurum“, da cui deriva il simbolo chimico „Au“. L’oro è un elemento come tutti gli altri e tuttavia abbastanza diverso, rifiuta quasi tutte le reazioni chimiche, è malleabile e durevole come nessun altro elemento. L’oro non ha una fissilità percettibile. La frattura è uncinata, il colore giallo oro, il metallo prezioso può essere martellato e arrotolato in strati sottili. È poi blu o verde traslucido. La densità dell’oro puro è di 19,3 g/cm². L’oro puro è troppo morbido per un’ulteriore lavorazione e può essere mescolato con altri metalli come rame, palladio o argento in leghe, le proprietà chimiche e fisiche cambiano. L’oro ha generalmente un contenuto d’argento del 2 – 22%, quindi l’oro raggiunge una tonalità più chiara. Il platino o il rame sono anche parzialmente contenuti nell’oro. L’oro ricco d’argento con un contenuto d’argento del 20% era già menzionato da Plinio. L’oro puro è un metallo molto resistente, non viene attaccato dall’ossigeno atmosferico, né dagli acidi. È solubile solo in acqua regia (una miscela di acido nitrico e acido cloridrico).

La permanenza dell'oro come elemento degli dei
Carrello d’oro / Pixabay

Metallo prezioso oro: estrazione – sostenibile e innovativa

L’oro si trova come oro di montagna nei depositi primari e come oro placer nei depositi secondari. Nelle vecchie cavità di montagna, l’oro di montagna si trova legato alle vene idrotermali. L’oro si trova anche nelle rocce vulcaniche e nelle vene. I compagni di minerale qui sono pirite, blenda di zinco, minerale pallido e molti minerali d’argento, telluridi e raramente selenuri. Il metodo più antico di estrazione dell’oro è il lavaggio dell’oro, già i romani lavavano l’oro puro. Per molto tempo, la miscelazione di sabbia e roccia frantumata contenenti oro con acqua ha dissolto solo il 50% dei componenti d’oro del fango e della sabbia. I processi chimici aumentano questa percentuale nell’estrazione dell’oro. Il processo di amalgamazione, che si basa sulla solubilità dell’oro da parte del mercurio ed è associato ad alti rischi per l’uomo e l’ambiente, è controverso. La richiesta di metodi di estrazione sostenibili si sta concentrando. Una possibilità è il cosiddetto fito-mining, in cui, per esempio, le piante vengono utilizzate per estrarre metalli dalla terra e rendere l’estrazione dell’oro ecologica e sostenibile.

Depositi d’oro – età dell’oro

L’oro come merce ambita perché rara attirava le persone migliaia di anni fa. Secondo la leggenda, il leggendario re lidio Creso introdusse l’oro come moneta nel 560 a.C., ma l’oro era conosciuto già nel 4.000 a.C. nella Mesopotamia meridionale e dagli egiziani nel 3.000 a.C. La corsa all’oro in California è nata dalla scoperta di giacimenti d’oro nella valle di Sacramento nel 1849 e i cercatori d’oro hanno estratto oro per l’equivalente di 24 miliardi di oggi. Da tutto il mondo arrivarono 90.000 cercatori che speravano di fare fortuna e trovarono 570 tonnellate d’oro nei fiumi della California. Nel 1847 il contenuto di oro era di 1 grammo per tonnellata di sabbia. Nel 1851 fu scoperto l’oro in Australia. Enormi depositi di placer sono stati scoperti sul Witwatersrand vicino a Johannesburg in Sudafrica. La Siberia produce grandi quantità d’oro e l’oro dei Tauri proviene da Salisburgo. Giovani vene d’oro si trovano in Transilvania. Qui si trovano probabilmente gli esemplari d’oro più belli d’Europa nel Verespatak. Si prevede di estrarre un totale di 170.000 tonnellate d’oro in tutti i continenti tranne l’Antartide. L’attuale produzione annuale ammonta a 2.500 tonnellate.

Quali fattori influenzano il prezzo dell’oro?

La permanenza dell'oro come elemento degli dei
Prospezione oro / Pixabay

Secondo un rapporto del World Gold Council, che ha condotto un’analisi dei dati annuali dal 1990 al 2015, ci sono due fattori principali che influenzano la domanda dei consumatori di oro (gioielli, lingotti e monete) a lungo termine. La domanda di oro è guidata principalmente dal reddito, il che significa che la domanda di oro aumenta con i livelli di reddito. Per esempio, se il reddito pro capite aumenta dell’1%, la domanda di oro aumenta dell’1%. In secondo luogo, dal livello di prezzo dell’oro stesso. Questo è particolarmente importante in paesi come l’India, che è uno dei maggiori consumatori di oro, con una domanda annuale equivalente a circa il 25% della domanda fisica totale in tutto il mondo.

Da parte sua, la domanda come investimento ha a che fare con le proprietà dell’oro. In primo piano c’è la protezione contro la volatilità. Tutte le persone che vogliono investire in oro o comprare oro lo fanno per proteggersi dalla volatilità e dall’incertezza. La maggior parte degli investitori vede il fascino dell’oro come un bene per tempi buoni e cattivi. Infine, va menzionato il ruolo dei fattori geopolitici. L’oro di solito si comporta bene durante le turbolenze geopolitiche, e l’attuale situazione di incertezza dovuta alle conseguenze non ancora valutabili della pandemia Corona, hanno un impatto positivo sul prezzo dell’oro come la domanda di oro come un rifugio sicuro in cui investire in modo sicuro i propri risparmi aumenta.

V.i.S.d.P.:

Dr. Peter Riedi
Economista ed esperto di metalli preziosi

L’autore è responsabile del contenuto.

Contatto:

EM Global Service AG
Landstrasse 114
FL- 9495 Triesen
Principato del Liechtenstein
Telefono +423 230 31 21
Fax +423 230 31 22

Persona di contatto:

Dr. Peter Riedi
info@em-global-service.li
www.em-global-service.li

La permanenza dell'oro come elemento degli dei

 

 

 

 

Descrizione dell’azienda:

Situata nel cuore dell’Europa, EM Global Service AG progetta e gestisce concetti di materie prime e metalli preziosi. La gamma di servizi offerti da EM Global Service AG comprende l’acquisizione, la custodia e la sicurezza dei metalli preziosi fisici per i proprietari, gli acquirenti. L’azienda con il suo team si basa sulla stabilità economica e la assicura con affidabilità e discrezione nella custodia dei beni nel cuore dell’Europa. Per ulteriori informazioni, visitare www.em-global-service.li

Print Friendly, PDF & Email

Teile diesen Beitrag auf

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email