Dal Belgio a Cipro: lavorare grazie all’Unione Europea?

Dal Belgio a Cipro: lavorare grazie all'Unione Europea?

Worüber schreiben wir:

Che sia per una formazione, uno stage all’estero o per emigrare definitivamente, l’Unione europea rende possibile ai suoi cittadini trovare un lavoro in un altro paese dell’UE. L’Unione Europea come trampolino di lancio per diventare cittadini del mondo – in conversazione con il Dr. Peter Riedi, Consiglio di Amministrazione e Direzione di EM Global Service AG, Principato del Liechtenstein.

Scuola, formazione, studi – sicuramente fuori nel mondo, conoscendo nuove culture e paesi. Dopo la scuola, la questione di quale paese lavorare e vivere occupa ogni anno molti giovani adulti in tutta Europa. Forse in Spagna, Italia o Portogallo vicino alla spiaggia per godersi il mare e fare surf dopo il lavoro e nel tempo libero, o in Austria, Svizzera o Liechtenstein con vista sulle Alpi e attività di svago alpine? O in Lussemburgo, il paese con il salario minimo più alto dell’UE secondo l’Ufficio federale di statistica? L’Europa è multiforme e offre numerose possibilità, la decisione è spesso difficile. Lo svizzero Dr Peter Riedi si sente a casa nel cuore dell’Europa. Come membro del consiglio di amministrazione di EM Global Service AG, trascorre la sua vita professionale nel Principato del Liechtenstein. La vicinanza all’Italia, alla Germania, alla Francia e all’Austria rende la Svizzera particolarmente attraente per lui. Per esperienza personale e come padre di famiglia, conosce il desiderio di allargare i propri orizzonti attraverso soggiorni all’estero, anche in giovane età, e non può che consigliare di fare definitivamente queste esperienze. „Negli ultimi decenni, il mondo si è sentito più piccolo. Grazie alla mobilità, alla digitalizzazione e alla maggiore prosperità, i viaggi e i soggiorni in paesi e culture straniere sono diventati la norma. Ampliare gli orizzonti attraverso viaggi, programmi di scambio e sponsorizzazioni fa parte dell’apprendimento permanente; fondamentalmente, non ci sono limiti di età per questo“, è convinto il Dr. Peter Riedi.

Le statistiche danno una panoramica – i cittadini del mondo sono in movimento

Una statistica di Eurostat rivela all’inizio del 2020 che quasi 1,1 milioni di cittadini tedeschi (quasi ogni 76° cittadino tedesco) hanno una residenza in un altro paese europeo. La destinazione di emigrazione più popolare è la Svizzera, seguita da Austria, Regno Unito, Spagna, Francia, Paesi Bassi, Belgio, Italia, Svezia e Danimarca nella top ten. L’Unione Europea composta da 27 stati membri con quasi 450 milioni di abitanti, giustifica una cittadinanza europea con l’idea cosmopolita.

Dal Belgio a Cipro: lavorare grazie all'Unione Europea?
Statistiche / Pixabay

La libera circolazione dei lavoratori

L’Unione Europea offre ai suoi cittadini delle libertà che i lavoratori dei paesi terzi possono solo sognare. La cosiddetta libera circolazione dei lavoratori è una delle quattro libertà fondamentali dell’Unione Europea e rende possibili gli scenari descritti. Per completare un apprendistato, fare un’esperienza di lavoro internazionale o lavorare permanentemente all’estero, non si ha bisogno di un permesso di lavoro nell’Unione Europea. „Ma le piccole eccezioni dimostrano la regola, come è noto: i cittadini dei nuovi stati membri dell’UE, Bulgaria e Romania, hanno bisogno di un permesso di lavoro UE per lavorare in Germania. Quello che non è così noto è che, secondo la Commissione europea, i cittadini dei paesi dell’UE hanno anche il diritto di vivere in altri paesi per motivi di lavoro e di rimanervi dopo la fine del rapporto di lavoro“, spiega il dottor Peter Riedi l’idea europea. Godono anche di un trattamento uguale a quello dei cittadini nazionali in termini di condizioni di lavoro, accesso all’occupazione e alla sicurezza sociale, e vantaggi fiscali. Così, quando ci si sposta all’interno dell’UE, i diritti alle prestazioni sociali rimangono intatti e gli stessi diritti e regolamenti come l’orario massimo di lavoro e la protezione della salute sul posto di lavoro si applicano ai lavoratori stranieri come ai cittadini, aggiunge il dottor Riedi.

La libertà europea di movimento dei lavoratori era ancora soggetta ad alcune restrizioni fino al 2014, secondo l’associazione Verein Deutsche im Ausland e.V.. A causa della cosiddetta restrizione della libertà di movimento, i lavoratori dei paesi dell’Europa orientale potevano accettare un lavoro in Germania solo se non si trovavano candidati adatti dalla Germania e da altri (vecchi) stati dell’UE. Questo valeva anche per i lavoratori tedeschi in altri paesi dell’Europa orientale, dove avevano anche bisogno di un permesso di lavoro. Tuttavia, questo trattamento preferenziale è stato ora abolito e i lavoratori nazionali e stranieri devono essere trattati allo stesso modo.

Migrazione di manodopera in Europa

Dal Belgio a Cipro: lavorare grazie all'Unione Europea?
Dr. Peter Riedi / Consiglio di amministrazione e direzione EM Global Service AG

Sempre più persone approfittano di questa opzione per lavorare all’estero. Nel 2020, secondo l’Ufficio federale di statistica, un totale di 6,4 milioni di cittadini dell’UE hanno lavorato in un altro paese dell’UE senza avervi la cittadinanza. Questo numero è aumentato di circa il 38% negli ultimi dieci anni. Nel 2011, c’erano circa 4,6 milioni di cittadini europei che lavoravano all’estero. „In numerose conversazioni e nei miei molti anni di lavoro, la questione della motivazione si ripresenta sempre di nuovo. Una motivazione per la migrazione della manodopera è la maggiore offerta di lavoro nel paese di destinazione. Dopo tutto, grazie alla buona situazione economica degli ultimi anni, la regione DACH in particolare ha attirato molti lavoratori. La libertà di movimento all’interno dell’Unione europea è una grande opportunità per molti cittadini europei, indipendentemente dall’età. In dieci anni, il numero è aumentato del 38%“, spiega il dottor Riedi. Oltre alla regione DACH, anche la Spagna, l’Italia e la Francia beneficiano come importanti paesi di destinazione. Oltre a un mercato del lavoro più ampio, un soggiorno di lavoro all’estero può portare un aumento delle qualifiche, sottolinea il dottor Riedi.

Reclutamento in Europa

Quindi come si fa a trovare lavoro in un altro paese dell’UE? I tedeschi che sono interessati a un lavoro all’estero possono contattare l’Ufficio Centrale di Collocamento (ZAV) dell’Agenzia Federale del Lavoro. Questa agenzia fornisce consigli su lavoro, formazione e studio all’estero e gestisce anche l’immigrazione di lavoratori qualificati stranieri in Germania.

Come funziona lo scambio dei cosiddetti stati EFTA? Il dottor Riedi dice: „La rete di cooperazione per la libera circolazione dei lavoratori che esiste per i cittadini dei cosiddetti stati EFTS Norvegia, Liechtenstein, Svizzera e Islanda si chiama EURES. Questa agenzia europea di collocamento si è posta l’obiettivo di sostenere il collocamento e il reclutamento transfrontaliero. Dal 2016, sono state incluse anche opportunità di formazione e stage. Altri obiettivi di EURES sono di migliorare la trasparenza sulle opportunità di lavoro e le informazioni sulle condizioni di vita e di lavoro attraverso le frontiere e di rafforzare la cooperazione tra le organizzazioni membri e le parti interessate“.

Preparare un trasloco all’estero

Dal Belgio a Cipro: lavorare grazie all'Unione Europea?
Lisa Witt / ragazza alla pari a Parigi e blogger

Tutto sommato, gli ostacoli per i cittadini dell’UE che vogliono lavorare in un altro paese dell’UE saranno notevolmente ridotti dall’UE. Le qualifiche professionali, per esempio, saranno riconosciute in tutta l’UE e potrebbero aver bisogno solo di essere tradotte nella lingua locale. Tuttavia, prima di trasferirsi, i dipendenti dovrebbero informarsi sulle procedure amministrative nazionali e sul diritto del lavoro per evitare spiacevoli sorprese, dice il dottor Peter Riedi, perché, per esempio, la protezione contro il licenziamento varia da uno stato membro all’altro. EM Global Service AG, con sede nel Principato del Liechtenstein, è alla ricerca di persone aperte al mondo e alle frontiere. Nel cuore dell’Europa, porta il tuo talento al team dell’azienda con la volontà di eseguire e prendere responsabilità.

V.i.S.d.P.:

Lisa Witt
Au pair a Parigi e blogger

A proposito dell’autore:

Lisa Witt si è diplomata a Münster nell’estate del 2020 e ora vive a Parigi. Lì lavora come ragazza alla pari, tiene un blog come freelance, impara il francese e si prepara a iniziare i suoi studi.

Contatto:

EM Global Service AG
Landstrasse 114
FL- 9495 Triesen
Principato del Liechtenstein
Telefono +423 230 31 21
Fax +423 230 31 22

Persona di contatto:

Dr. Peter Riedi
info@em-global-service.li
www.em-global-service.li

Descrizione dell’azienda:

Situata nel cuore dell’Europa, EM Global Service AG progetta e gestisce concetti di materie prime e metalli preziosi. La gamma di servizi offerti da EM Global Service AG comprende l’acquisizione, la custodia e la sicurezza dei metalli preziosi fisici per i proprietari, gli acquirenti. L’azienda e il suo team si basano sulla stabilità economica e la assicurano con affidabilità e discrezione nella custodia dei beni nel cuore dell’Europa. Per ulteriori informazioni, visitare www.em-global-service.li

Print Friendly, PDF & Email

Teile diesen Beitrag auf

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email