Risorse per il progresso tecnologico – rare e preziose

Bergbau / Pixabay

Worüber schreiben wir:

Terre rare – che cos’è? Occorrenza, investimento e riciclaggio, di Amelie Hauger, studentessa di Stoccarda in conversazione con il Dr. Peter Riedi, economista nel cuore dell’Europa/ Principato del Liechtenstein.

Al giorno d’oggi, il termine „terre rare“ ha probabilmente attraversato la mente di tutti almeno una volta. Il più delle volte, questo argomento appare attualmente in relazione allo sviluppo e alla produzione di nuove tecnologie, che non sarebbero possibili senza le terre rare. Per esempio, il trattamento delle terre rare è spesso citato come punto di critica nella discussione sull’ecobilancio generale dei veicoli elettrici. La contraddizione che nasce dall’uso delle terre rare per le batterie dei veicoli elettrici è che l’obiettivo reale delle auto elettriche è quello di essere ecologiche. Ma come può essere rispettosa dell’ambiente un’auto elettrica, se nella sua produzione viene utilizzato uno dei beni presumibilmente più rari della nostra terra. Ma non solo le auto elettriche, in parte controverse, contengono terre rare. Tra le altre cose, l’oggetto che tutti noi teniamo in mano ogni giorno e di solito non vogliamo perdere, non può fare a meno delle terre rare: Il nostro smartphone. Ma cosa sono esattamente le terre rare? Cosa li rende così speciali e come si fa a procurarsi questa importante merce in primo luogo?

Diciassette elementi – metalli delle terre rare

„Cosa sono le terre rare si spiega meglio con la tavola periodica che la maggior parte delle persone conosce ancora dalle lezioni di chimica a scuola. Nella tavola periodica le terre rare formano un gruppo a sé. Più precisamente, questo gruppo è chiamato anche metalli delle terre rare. Ad eccezione dell’attinio, comprendono gli elementi che si trovano nel 3° sottogruppo e inoltre i cosiddetti lathanoidi.

Estrazione / Pixabay
Estrazione / Pixabay

In totale, ci sono 17 elementi che appartengono alle terre rare“, spiega l’esperto di metalli preziosi Dr. Peter Riedi e referente di EM Global Service AG, con sede nel Principato del Liechtenstein.

Il termine terre rare ha origine dalla prima scoperta di questi elementi nel XVIII secolo in Svezia e deriva dal fatto che a quel tempo questi elementi si trovavano molto raramente come elementi singoli, ma piuttosto come componenti di minerali rari da cui venivano poi estratti. Il Dr. Peter Riedi commenta: „In effetti, gli elementi delle terre rare non sono così rari come si pensava inizialmente. La maggior parte di essi si verifica più frequentemente che, per esempio, i ben noti elementi piombo, rame, oro o anche platino. Questi elementi hanno guadagnato la designazione di „rari“ nella misura in cui i depositi più grandi che sono utilizzati per l’estrazione sono effettivamente rari. Poiché le terre rare sono ampiamente disperse e si presentano in piccole quantità, sono spesso estratte come sottoprodotto della produzione di minerali più comuni“.

Terre rare: Estrazione e usi

Circa il 97% delle terre rare sono estratte in Cina. Ma non solo l’uso delle terre rare per le tecnologie di tutti i giorni è discutibile, ma anche l’estrazione e il prelievo del prezioso bene è considerato poco rispettoso dell’ambiente. Spesso, i metalli delle terre rare sono lavati via dalla terra con acidi durante la loro estrazione, con il risultato di acque reflue tossiche. Oltre all’estrazione piuttosto dannosa per l’ambiente delle terre rare, c’è un altro problema nel trattare questa importante risorsa naturale: le possibilità di riciclaggio. Il Dr. Peter Riedi commenta: „Ogni anno, circa 45 milioni di tonnellate di rifiuti elettronici sono prodotti in tutto il mondo. Le terre rare sono presenti in piccole quantità in quasi tutti gli apparecchi elettrici e possono essere riciclate. Tuttavia, questo processo è ancora molto difficile con le tecnologie attuali e quindi non è ancora economicamente fattibile. Speriamo che nel campo del riciclaggio dei rifiuti elettronici, nei prossimi anni saranno fatti molti passi nella direzione della redditività economica per promuovere il riutilizzo delle terre rare e ridurre così l’estrazione mineraria dannosa per l’ambiente“.

Terre rare: Commercio e investimenti

Economicamente interessante è il commercio delle terre rare, ma solo per gli esperti del settore. Ha più senso per gli investitori privati investire in oro, argento, platino e palladio, sottolinea il Dr. Peter Riedi di EM Global Service AG.

Amelie Hauger - Studentin & Blogger
Amelie Hauger – Studente e blogger

L’azienda compra e conserva oro, argento, platino e palladio per i clienti finali. A causa delle loro proprietà speciali, il platino e il palladio sono utilizzati in diversi settori. Entrambi i metalli preziosi sono utilizzati nel settore automobilistico e in altri settori industriali, così come nell’elettronica, nella gioielleria, negli investimenti, nella tecnologia medica e dentale. Questo si traduce in sfide particolari per la raccolta e la lavorazione in ogni caso, al fine di indirizzare i flussi di materiale alla raffinazione. I rifiuti di platino nei settori della gioielleria e dell’odontoiatria sono di solito grumosi e relativamente omogenei. Nel processo di riciclaggio, sono principalmente solo rifusi. I rifiuti di platino provenienti da convertitori industriali e catalitici, dall’industria del vetro e dai rottami elettrici sono più finemente dispersi e devono essere arricchiti e raffinati per essere riciclati. Il riciclaggio di platino e palladio dalle applicazioni industriali avviene ad un livello molto alto. Le ragioni di questo sono il numero gestibile di processi e di attori e il valore conosciuto. Per questo motivo, la cooperazione diretta e regolata contrattualmente tra i produttori di catalizzatori di metalli preziosi, le raffinerie e i raffinatori ha potuto svilupparsi per molti anni. Le perdite sono maggiori, tuttavia, nella raccolta e nel trattamento di rottami elettrici ed elettronici contenenti platino e palladio.

V.i.S.d.P.:

Amelie Hauger

Studente e blogger

A proposito dell’autore:

La studentessa Amelie Hauger sta attualmente completando un programma di studio duale a Stoccarda. Fin dalla sua infanzia, il suo entusiasmo per la tecnologia è cresciuto, ed è per questo che il campo della tecnologia di produzione dell’ingegneria meccanica con un focus sulla mobilità riflette esattamente i suoi interessi. L’alternanza tra teoria e pratica rende interessanti i due studi. Il suo interesse speciale risiede nelle tecnologie del futuro, nei nuovi materiali, nella guida autonoma e nel trasporto senza conducente.

Contatto:

EM Global Service AG

Strada di campagna 114

FL 9495 Triesen

Principato del Liechtenstein

Telefono +423 230 31 21

Fax +423 230 31 22

Persona di contatto:

Dr. Peter Riedi

presse@em-global-service.li

www.em-global-service.li

Descrizione dell’azienda

Situata nel cuore dell’Europa, EM Global Service AG progetta e gestisce concetti di materie prime e metalli preziosi. La gamma di servizi di EM Global Service AG comprende l’acquisizione, la custodia e la sicurezza dei metalli preziosi fisici per i proprietari, gli acquirenti. L’azienda con il suo team si basa sulla stabilità economica e la assicura con affidabilità e discrezione nella custodia dei beni nel cuore dell’Europa. Per ulteriori informazioni, visitare www.em-global-serevice.li

Contatto stampa:
EM Global Service AG
Dott. Peter Riedi
Strada 144
9495 Triesen
Tel.: +423230 31 21
Fax: +423230 31 22
E-mail: presse@em-global-service.li
Web: http://www.em-global-service.li

Teile diesen Beitrag auf

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email